Parla Tolkien: “FANTASY”

In vista del nostro prossimo (e si spera ultimo) post sul Convegno di Trento, riportiamo qui per comodità alcuni passi originali del capitolo intitolato FANTASY di On Fairy Stories, dato che Fatica lo ha sintetizzato nel suo intervento (senza citare la fonte). Per ora nessun commento; ma grassetto, sottolineato e trattini chiarificatori sono nostri. Se potete, controllate l’originale; le traduzioni sono utili ma potrebbero essere svianti. Se abbiamo tralasciato qualcosa di importante, segnalatecelo.

Ci limitiamo a far notare la sbalorditiva modernità di Tolkien che avvicina “Fantasy” a “Fantastico”, un passo che la letteratura mondiale ha compiuto solo negli ultimi decenni, includendo nel Fantastico non sono solo il Fantasy, ma la fantascienza, l’horror, il weird etc, in quanto legati dalla stessa parola usata da Tolkien nel terzo paragrafo, unreality. Ci vorrebbe tutto un altro post per coprire questo argomento.

FANTASY

The human mind is capable of forming mental images of things not actually present. The faculty of conceiving the images is (or was) naturally called Imagination. But in recent times, in technical not normal language, Imagination has often been held to be something higher than the mere image-making, ascribed to the operations of Fancy (a reduced and depreciatory form of the older word Fantasy); an attempt is thus made to restrict, I should say misapply, Imagination to ‘the power of giving to ideal creations the inner consistency of reality’.

[…] I venture to think the verbal distinction philologically inappropriate, and the analysis inaccurate. The mental power of image-making is one thing, or aspect; and it should appropriately be called Imagination. The perception of the image, the grasp of its implications, and the control, which are necessary to a successful expression, may vary in vividness and strength: but this is a difference of degree in Imagination, not a difference in kind. The achievement of the expression, which gives (or seems to give) ‘the inner consistency of reality’ [1: That is: which commands or induces Secondary Belief] is indeed another thing, or aspect, needing another name: Art, the operative link between Imagination and the final result, Sub-creation.

For my present purpose I require a word which shall embrace both the Sub-creative Art in itself and a quality of strangeness and wonder in the Expression, derived from the Image: a quality essential to fairy-story. I propose, therefore, […] to use Fantasy for this purpose: in a sense, that is, which combines – with its older and higher use as an equivalent of Imagination – the derived notions of ‘unreality’ (that is, of unlikeness to the Primary World), of freedom from the domination of observed ‘fact’, in short of the fantastic.

I am thus not only aware but glad of the etymological and semantic connections of fantasy with fantastic: with images of things that are not only ‘not actually present’, but which are indeed not to be found in our primary world at all, or are generally believed not to be found there. But while admitting that, I do not assent to the depreciative tone. That the images are of things not in the primary world (if that indeed is possible) is a virtue not a vice. Fantasy (in this sense) is, I think, not a lower but a higher form of Art, indeed the most, nearly pure form, and so (when achieved) the most potent.
Fantasy, of course, starts out with an advantage: arresting strangeness. But that advantage has been turned against it, and has contributed to its disrepute. Many people dislike being ‘arrested’. They dislike any meddling with the Primary World, or such small glimpses of it as are familiar to them. They, therefore, stupidly and even maliciously confound Fantasy with Dreaming, in which there is no Art [2_ This is not true of all dreams. In some Fantasy seems to take a part. But this is exceptional. Fantasy is a rational – not an irrational – activity.]

[…] But the error or malice, engendered by disquiet and consequent dislike, is not the only cause of this confusion. Fantasy has also an essential drawback: it is difficult to achieve. Fantasy may be, as I think, not less but more sub-creative; but at any rate it is found in practice that ‘the inner consistency of reality’ is more difficult to produce, the more unlike are the images and the rearrangements of primary material to the actual arrangements of the Primary World. It is easier to produce this kind of ‘reality’ with more ‘sober’ material. Fantasy thus, too often, remains undeveloped; it is and has been used frivolously, or only half- seriously, or merely for decoration: it remains merely ‘fanciful’. Anyone inheriting the fantastic device of human language can say the green sun. Many can then imagine or picture it. But that is not enough – though it may already be a more potent thing than many a ‘thumbnail sketch’ or ‘transcript of life’ that receives literary praise.
To make a Secondary World inside which the green sun will be credible, commanding Secondary Belief, will probably require labour and thought, and will certainly demand a special skill, a kind of elvish craft. Few attempt such difficult tasks. But when they are attempted and in any degree accomplished then we have a rare achievement of Art: indeed narrative art, storymaking in its primary and most potent mode. In human art Fantasy is a thing best left to words, to true literature.

[…] Now ‘Faerian Drama – those plays which according to abundant records the elves have often presented to men – can produce Fantasy with a realism and immediacy beyond the compass of any human mechanism. As a result their usual effect (upon a man) is to go beyond Secondary Belief. If you are present at a Faerian drama you yourself are, or think that you are, bodily inside its Secondary World. The experience may be very similar to Dreaming and has (it would seem) sometimes (by men) been confounded with it. But in Faerian drama you are in a dream that some other mind is weaving, and the knowledge of that alarming fact may slip from your grasp. To experience directly a Secondary World: the potion is too strong, and you give to it Primary Belief, however marvellous the events.

[…] Art is the human process that produces by the way (it is not its only or ultimate object) Secondary Belief. Art of the same sort, if more skilled and effortless, the elves can also use, or so the reports seem to show; but the more potent and specially elvish craft I will, for lack of a less debatable word, call Enchantment. Enchantment produces a Secondary World into which both designer and spectator can enter, to the satisfaction of their senses while they are inside; but in its purity it is artistic in desire and purpose.

[…] That creative desire is only cheated by counterfeits, whether the innocent but clumsy devices of the human dramatist, or the malevolent frauds of the magicians. In this world it is for men unsatisfiable, and so imperishable. Uncorrupted it does not seek delusion, nor bewitchment and domination; it seeks shared enrichment, partners in making and delight, not slaves.

To many, Fantasy, this sub-creative art which plays strange tricks with the world and all that is in it, combining nouns and redistributing adjectives, has seemed suspect, if not illegitimate. To some it has seemed at least a childish folly, a thing only for peoples or for persons in their youth.

[…] Fantasy is a natural human activity. It certainly does not destroy or even insult Reason; and it does not either blunt the appetite for, nor obscure the perception of, scientific verity. On the contrary. The keener and the clearer is the reason, the better fantasy will it make. If men were ever in a state in which they did not want to know or could not perceive truth (facts or evidence), then Fantasy would languish until they were cured. If they ever get into that state (it would not seem at all impossible), Fantasy will perish, and become Morbid Delusion.

[…] Fantasy can, of course, be carried to excess. It can be ill done. It can be put to evil uses. It may even delude the minds out of which it came. But of what human thing in this fallen world is that not true? Men have conceived not only of elves, but they have imagined gods, and worshipped them, even worshipped those most deformed by their authors’ own evil. But they have made false gods out of other materials: their notions, their banners, their monies; even their sciences and their social and economic theories have demanded human sacrifice. Abusus non tollit usum.
Fantasy remains a human right: we make in our measure and in our derivative mode, because we are made: and not only made, but made in the image and likeness of a Maker.

Fatica a Trento: precisazioni ed edit

Man mano che escono nuovi resoconti ed emergono nuovi appunti, sarà inevitabile continuare a correggere il post sottostante. Abbiamo aggiunto Gianluca Comastri fra i relatori della puntata della Voce di Arda di sabato 12, involontariamente “censurato”; abbiamo messo i link ai resoconti di AIST e Cercatori di Atlantide; abbiamo corretto imprecisioni e aggiunto link interni e nuove osservazioni. Se saranno necessarie modifiche e commenti più importanti, faremo un post a parte.

Cogliamo l’occasione di segnalare il grande lavoro della nostra Lettrice (e lettrice) di Solo per dire la mia, che nel suo ultimo post ci fa l’onore di citarci proprio per quello che vogliamo essere, un blog di Noldor archivisti e commentatori testuali in cerca di una sempre maggior precisione. Fra l’altro abbiamo corretto una serie di link sbagliati nelle Pagine, e prima o poi l’intero concetto di Pagine andrà rivisto.

Fatica a Trento: la risposta di Tolkien

Dopo una settimana in cui abbiamo detto addio a vita, lavoro e sonno (amici e familiari non ne abbiamo), avendo radunato appunti e ricordi, diamo alfine seguito al precedente post scritto a caldo, in cui abbiamo saltato un paio di passaggi. Come al solito Giuseppe Scattolini ci ha battuti. Quasi contemporaneamente al nostro articolo è uscito anche il resoconto di AIST, in cui viene corretto l’errore su Old Gerontius, e di Cercatori di Atlantide, che si dilunga sulle domande più di quanto non siamo riusciti a fare noi.

Confermiamo che non solo Luca Manini, ma tutti gli altri relatori di Trento sono stati graditissimi, e molto più efficaci di Fatica. Forse anche per scelte tecniche e organizzative; ma questo è un problema complesso che rimandiamo a un futuro post (forse). Abbiamo ironizzato sul “Fallire sempre meglio” soltanto in relazione all’intervento di Fatica. Nella nostra esperienza, la traduzione di un testo è di rado un fallimento; piuttosto è una curva asintotica che idealmente si avvicina sempre più alla linea retta (l’originale) senza mai raggiungerla, all’infinito.

E’ stato confermato che gli atti del convegno verranno pubblicati a marzo sul n. 2 dei Quaderni di Arda. Nel frattempo, la Voce di Arda sta organizzando una puntata speciale per sabato 12 dicembre alle 16:30, con i traduttori e studiosi Gianluca Comastri, Costanza Bonelli, Enrico Spadaro, Francesca Montemagno e Paola Cartoceti.

Continua a leggere “Fatica a Trento: la risposta di Tolkien”

Fallire sempre meglio e sempre di più

Abbiamo appena finito di seguire l’intervento di Fatica a Trento. Ovviamente posteremo un’analisi più dettagliata in un futuro articolo, ma il succo può essere riassunto in poche parole.

Fatica ha esordito con una serie di critiche a Tolkien da parte di altri scrittori e intellettuali. Un accenno agli anacronismi gli ha permesso di introdurre lo stesso intervento di Parma e Modena; solo che questa volta aveva davanti uno script (il futuro saggio sulle scelte traduttive, come avevamo auspicato?) e non ha potuto dilungarsi in risatine e battute sconcie. In breve, Tolkien è incoerente perché usa soul bla bla; praticamente non potrebbe usare nessuna parola che non fosse in uso nel Medioevo, come “matita”. Ha commentato un paio di proprie scelte, già sentite anche quelle; un po’ poco per un intervento intitolato Fidarsi del racconto: ritradurre Il Signore degli Anelli.

Il nostro Enrico Spadaro ha chiesto se Fatica conosce le parole fëa e hroa (anima e corpo). Risposta: no. Peccato che non abbiamo avuto la presenza di spirito di cambiare schermo e guardare la faccia di Arduini.

Ma soprattutto, è stata posta la domanda cruciale:

Fatica ha capito che Tolkien finge di tradurre in inglese CORRENTE un manoscritto in Ovestron?

La domanda è stata dapprima accantonata, forse Ovestron era una parola troppo difficile (dev’essere qui che Fatica ha risposto “Non ho capito la domanda”, ma controlleremo), poi ripetuta in parole da prima elementare e ignorata; infine ha fatto irruzione al microfono la nostra Costanza Bonelli, che ha cercato di spingere Fatica a rispondere direttamente. Soprattutto sul fatto che Tolkien in originale è perfettamente comprensibile in inglese. Fatica ha ribadito che non è vero, Tolkien è del tutto incomprensibile, ci sono interi dizionari etc. Costanza gli ha chiesto a che tipo di lettore si rivolge. “Non ho capito la domanda”. Lei lo ha quasi ammazzato e il moderatore ha fermato tutto.

Fatica è stato seguito dal traduttore di “Beren e Lùthien”, Luca Manini, calmo, professionale, competente, umile. Detto tutto.

Giochino: Quanti ragni vedete?

Shelob = Aragne, in traduzione Fatica. Può piacere o no, ma ci sono considerazioni oggettive da fare, sulle quali abbiamo ancora vari dubbi e invitiamo i lettori a commentare e suggerire.

Esiste un sostantivo femminile aragna, indicato dai più importanti dizionari come antiquato per “ragno”. Sarebbe una resa perfetta del nome creato da Tolkien: she + lob, dove lob è un termine antiquato-popolare per “ragno”.

1_ Un primo problema è: perché Fatica non ha scelto Aragna? Su Cercatori di Atlantide ci sono varie considerazioni approfondite e confronti con traduzioni in altre lingue, ma anche loro non sanno dare una risposta. Aggiungono però che Fatica non ha usato Aracne perché avrebbe ricordato troppo la mitologia greca, che non ha posto nella Terra di Mezzo (ma anfitrione sì).

2_ Ciò porta al secondo problema: a parte le battute becere che come sapete disapproviamo, a molti lettori Aragne fa pensare comunque ad Aracne, con quella E finale. Ricorda un poco il caso di Aule con la maiuscola nella Poesia dell’Anello, corretto nel volume unico. Non solo: Aragne è un’alternativa di Aracne ben attestata nella letteratura italiana: “O folle Aragne, sì vedea io te / già mezza ragna, trista in su li stracci / de l’opera che mal per te si fé.” (Purgatorio XII, 43-45)

3_ Il terzo problema è quello che più ci lascia perplessi. La maggior parte dei dizionari riporta aragna/aragne o aragna (aragne), ma senza specificare se aragne sia una versione alternativa o un plurale. Sembrerebbe trattarsi del primo caso; infatti quelli che abbiamo consultato non riportano affatto aragne oppure rimandano ad aragna. Ma c’è un’eccezione illustre (una sola, a questo punto delle ricerche, a parte il Wikizionario): il Grande Dizionario Italiano Hoepli riporta aragne come alternativo o PLURALE di aragna.

Fatica ha dunque tradotto Shelob al plurale? Non possiamo esserne sicuri. Se riusciamo glielo chiederemo oggi alle 15, al Convegno di Trento.